Custom Menu

Latest From Our Blog

Mostra in corso - Galleria Melesi
La mostra attualmente in corso in Galleria Melesi
Mostre Galleria Melesi
22615
page-template,page-template-blog-large-image-whole-post,page-template-blog-large-image-whole-post-php,page,page-id-22615,unselectable,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,vertical_menu_enabled,,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive
Ora in Galleria

Mostra in corso

Gianni Cella – favolosi beniamini

GIANNI CELLA

L’Okapi e i favolosi beniamini

 

Inaugurazione: sabato 25 novembre 2017, ore 18.30
Durata:
dal 25 novembre al 23 dicembre 2017 con orario da martedì a domenica 16 – 19
dal 16 al 31 gennaio 2018 con orario da martedì a sabato 16 – 19
altri orari su appuntamento

Gianni Cella, L’Okapi e i favolosi beniamini

Una mostra che nasce dalla collaborazione fra la Galleria Melesi, l’artista Gianni Cella e il COE Associazione Centro Orientamento Educativo e si propone come evento conclusivo del 2017 del ciclo di eventi nati per far conoscere l’Okapi ed il libro a lui dedicato; simpatico mammifero mix di specie diverse, assunto a simbolo di valore delle diversità, questo animale, endemico della Repubblica Democratica del Congo, attraverso le illustrazioni di Gianni Cella, ci parla di valori come l’identità, l’accoglienza e la fratellanza.
Dopo la presentazione in sedi prestigiose quali Confcommercio di Lecco, Villa Olmo a Como, Villa Reale a Monza e il MUDEC di Milano, le 11 tavole originali usate per illustrare il libro arrivano alla Galleria Melesi ma… non saranno sole! Ad accompagnare l’Okapi, arricchendo la mostra di opere inedite, si avrà la possibilità di vedere altri “favolosi beniamini” realizzati dall’artista con la tecnica della vetroresina smaltata. Incontreremo così i 7 nani, la Principessa sul pisello, Pinocchio, Barbablù e le sue mogli, Pollicino, Cappuccetto Rosso e il Lupo mannaro!
Una mostra per le famiglie ma non solo, che ci conduce al Natale con la magia dei personaggi della nostra infanzia e un nuovo amico, l’Okapi, che travolgendoci con la sua simpatia ci porterà, grazie alle opere di Cella nel suo mondo lontano della foresta congolese a scoprire poco alla volta e grazie al dialogo con gli altri animali, la sua identità unica al mondo, come quella di ogni singolo individuo.

Da un’idea di Prashanth Cattaneo è nato il libro bilingue italiano e francese “E tu chi sei? L’Okapi” di Dino Ticli e illustrato da Gianni Cella, edito da Bellavite Editore, grafica a cura di Paolo Vallara e traduzione in francese di Marie-France Briant; prezzo di copertina € 12.

L’artista GIANNI CELLA nasce a Pavia il 4 marzo 1953, si diploma al Liceo Artistico di Brera quindi si iscrive all’Accademia di Belle Arti di Brera con indirizzo Pittura. L’artista ha alle spalle una lunga e ricca ricerca che porta avanti attraverso il linguaggio del disegno, della pittura e della scultura. Insegna Illustrazione e Disegno per le nuove tecnologie all’Accademia di Belle Arti di Brera.
Partecipare a questo progetto e incontrare l’Okapi è stata per me una piacevole scoperta, una sorpresa, ignoravo l’esistenza di questo animale! Anche io dunque, come la piccola Okapi, sono partito alla scoperta della sua identità, affascinato dal racconto di Dino Ticli. Ho poi illustrato la storia sottolineando gli snodi narrativi che coincidono con gli incontri dell’animale con i suoi in qualche modo “simili”. È stata una bellissima esperienza.

L’autore del libro DINO TICLI ci dice: Ho accettato molto volentieri l’invito del COE e del suo vice presidente, Prashanth Cattaneo, a scrivere un racconto per giovani lettori e per tutti quegli adulti che hanno mantenuto uno spirito bambino.
Il COE svolge alcune delle sue attività in Congo, dove vive endemicamente uno stranissimo e ormai raro animale: l’okapi. Si tratta di un giraffide con l’aspetto così particolare da poter essere considerato una metafora vivente: le sue zampe ricordano quelle delle zebre e degli asini selvatici, il suo mantello quello delle antilopi, la sua testa quella della giraffa. Un insieme di caratteri morfologici ben riusciti che gli permettono di mimetizzarsi nella foresta dove vive da tempi remoti. I messaggi che possiamo trarre dalla lettura del mio racconto, arricchito dalle illustrazioni di Gianni Cella, sono molto semplici: le diversità sono una risorsa e creano armonia, ma nessuno deve ritenersi perfetto; anzi, è proprio dall’essere in grado di riconoscere le proprie imperfezioni, oltre che dalle ricchezze che ogni popolo racchiude in sé, che può nascere la perfezione dell’uomo.

Informazioni e richiesta di ulteriore materiale stampa:
GALLERIA MELESI T +39 0341 360348 M +39 348 4538002 info@galleriamelesi.com

Leggi...
error: Contenuto protetto!