Custom Menu

Latest From Our Blog

OPALKA 1965 / 1 - ∞ - Galleria Melesi
Nella mostra OPALKA 1965 / 1 - ∞, il noto artista Roman Opalka espone 18 autoritratti in cui figura se stesso durante il passare del tempo e un'opera su tela composta da numeri che vanno da 1 a infinito. Accompagnerà il tutto la voce dell’artista che scandisce, in lingua polacca, i numeri del passaggio dai 4 ai 5.000.000.
Roman Opalka, OPALKA 1965 / 1 - ∞, numeri, tela, autoritratto, tempo, età, galleria Melesi, infinito
20762
post-template-default,single,single-post,postid-20762,single-format-standard,unselectable,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,vertical_menu_enabled,,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive
Cover per Opalka 1965 / 1 - ∞

OPALKA 1965 / 1 – ∞

ROMAN OPALKA

OPALKA 1965 / 1 – ∞

Inaugurazione: sabato 7 febbraio 2009, ore 18
Durata: 7 febbraio – 28 marzo 2009

L’artista Roman Opalka nasce a Hocquincourt in Francia il 27.08.1931 da genitori polacchi. Nel 1935 la sua famiglia, con lui, rientra in Polonia. Nel 1940 è deportato in Germania. Finita la guerra torna in Polonia e comincia gli studi artistici, prima all’Istituto Statale d’Arte a Lodz e successivamente all’Accademia di Belle Arti di Varsavia. Nel 1977 parte per la Francia dove tutt’ora vive e lavora.

Il professor Tommaso Trini con Roman Opalka
Il professor Tommaso Trini con Roman Opalka

La sua ricerca artistica si focalizza a metà degli anni Sessanta, quando, dopo anni di esperimenti, individua nel tempo il tema della sua pittura e decide di rappresentarlo ricorrendo ai numeri, in cui già è implicito il senso della successione. Questo intento diventa un progetto radicale, l’impegno di tutta la sua vita. Nel primo quadro su fondo nero, dipinge in alto a sinistra in bianco, la cifra 1 seguita dal 2, 3, 4, ecc… all’infinito.
Ogni tela che segue è nello stesso tempo quadro e Détail (dettaglio-frammento) di tutto il progetto ed è definita da una serie di numeri distribuiti in sequenza su tutta la superficie. Il numero che inizia ogni “dettaglio”, posto in alto a sinistra, è quello successivo all’ultimo apparso in basso a destra del “dettaglio” precedente. Nel 1972 ecco un altro passo: Opalka si impone di preparare il fondo delle tele secondo una gradazione decrescente di grigio, riducendone dell’1% l’intensità, tela dopo tela. Così il fondo grigio diventa sempre più chiaro, finché, ormai anziano, l’artista arriverà a dipingere numeri bianchi su fondo bianco.

Germano Campione con Roman Opalka
Germano Campione intervista Roman Opalka

Sempre nei primi anni ’70 ha inizio il lavoro dei Détails photo, che sono strettamente affiancati e connessi con il lavoro che si sviluppa nei dipinti. Essi vogliono essere la “scultura” di Opalka. Col gesto dell’autoscatto l’artista riprende se stesso e documenta, nel divenire, come il tempo “scolpisce” il suo volto. Sono ritratti da cui è bandita l’espressione, dove lo sguardo è fisso e l’abbigliamento è sempre lo stesso (una camicia da pilota), in modo che il passare del tempo si manifesti solo attraverso l’incanutirsi dei capelli, il comparire di nuove rughe… segni “meritati” di un vissuto.

Roman Opalka per OPALKA 1965 / 1 - ∞
un momento del vernissage

Così, su questi due versanti, l’artista polacco continua ad essere impegnato su una via che è completamente sua e non comparabile con nessun’altra, una terra vergine, chiusa ermeticamente su se stesso, non condizionata dagli eventi della storia. Scrive Opalka: “Il grigio è il nero e il bianco. Esprime l’unità del movimento dei colori. Esclude il dualismo e manifesta il tutto. Il grigio è universale. Reca tutti i colori. A immagine dello spettro dei colori in movimento. Ma il grigio è neutro: io lo riempio col vissuto della mia vita. Il grigio non è colore simbolico, è divenuto per me quello del movimento non visibile. Su questo sfondo grigio c’è la mia vita: il contrario di un colore freddo, indifferente; è il colore del mio sacrificio pittorico, quale si dispiega nella condotta del concetto, nel suo movimento e nel suo tempo. Ai grandi poli, agli estremi del nero del primo Détail e del bianco su bianco, lo sfumato di un’esistenza: il colore può diventare emotivo in modo mortale.”

Roman Opalka nella Galleria Melesi
Roman Opalka

In mostra verrà presentata una sola tela. L’attenzione è maggiormente rivolta ai 18 Détails photo che coprono un arco di più di trent’anni (dai primi anni ’70 ad oggi). Accompagnerà il tutto la voce dell’artista che scandisce, in lingua polacca, i numeri del passaggio dai 4 ai 5.000.000.
Catalogo a cura di Roman Opalka e Sabina Melesi.

Opere di Roman Opalka su pareti
Vedute della mostra
Opere di Roman Opalka su pareti
Détails photo
Opere di Roman Opalka su pareti
Détails photo e tela


error: Contenuto protetto!