Custom Menu

Latest From Our Blog

Come una cosa della terra - Galleria Melesi
Come un cosa della terra è una mostra che nasce dall'arte di Francesca Della Toffola e dalla poesia di Antonia Pozzi, che insieme si ritrovano a celebrare la natura e i suoi elementi con cui l'animo umano cerca di fondersi nell'armonia per ritrovare la propria intimità.
Francesca della Toffola, Come una cosa della terra, mostra, Antonia Pozzi, natura, liberazione, leggerezza, simbolismo
20804
post-template-default,single,single-post,postid-20804,single-format-standard,unselectable,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,vertical_menu_enabled,,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive
Opera di Francesca Della Toffola con erba

Come una cosa della terra

FRANCESCA DELLA TOFFOLA

Come una cosa della terra

Inaugurazione: sabato 31 gennaio 2015 alle ore 18.30
Durata: 31 gennaio – 28 febbraio 2015
Orario: Orario: da martedì a sabato ore 16–19 altri orari su appuntamento

Opera di Francesca Della Toffola con foglie

l progetto Come una cosa della terra nasce dall’incontro di Francesca Della Toffola con la poesia di Antonia Pozzi. Ecco come Francesca Della Toffola (nata a Montebelluna TV nel 1973) spiega il contenuto della mostra.

“L’amore per la natura, per le creature dei boschi, dei laghi, del verde, del vento, della terra questo è ciò che lega le nostre anime. Le immagini, la mia persona, non è un caso la scelta dell’autoritratto (autoscatto), viene attraversata dalle sensazioni più intime di Antonia Pozzi. Le sue parole, le mie immagini in un connubio con al centro la terra che ci rende universali: esseri del mondo e nel mondo che abbracciano la terra, che desiderano tornare alla terra per ritrovare le proprie radici.”

Il progetto è costituito da 20 immagini fotografiche di formato circolare. Il cerchio vuole ricordare la terra, la femminilità, la maternità.

Opera di Francesca Della Toffola con acqua

Alcune immagini, seppur nate prima dell’incontro con la poesia di Antonia Pozzi rivelano proprio l’affinità che lega le due donne, quelle successive, invece, con maggiore consapevolezza vogliono mostrare la voce inquieta di Antonia. Questo l’omaggio ad una donna di raffinata intelligenza e sensibilità, che non ha avuto paura di mostrare le proprie fragilità e i propri sogni.

La mostra sarà accompagnata da un leporello con circa 15 illustrazioni a colori, stralci delle poesie di Antonia Pozzi che hanno ispirato Francesca Della Toffola e un testo critico della storica dell’arte Simona Bartolena.

La mostra è patrocinata dalla Provincia di Lecco, dal Comune di Lecco e dal Comune di Pasturo, luogo di residenza estiva e luogo di sepoltura della poetessa milanese, suo luogo dell’anima. Il patrocinio alla mostra è anche concesso dalla Comunità Montana della Valsassina.

Opere di Francesca Della Toffola nella Galleria Melesi

Informazioni e richiesta di materiale stampa:
GALLERIA MELESI T +39 0341 360348 M +39 348 4538002 info@galleriamelesi.com



error: Contenuto protetto!