Custom Menu

Latest From Our Blog

Salvavita

ENZO FORESE

Salvavita

 

Inaugurazione: sabato 19 novembre, ore 18.30
Durata e orario:
19 novembre – 24 dicembre 2022 con orario da martedì a domenica 16 – 19
10 gennaio – 28 gennaio 2023 con orario da martedì a sabato 16 – 19

Enzo Forese nel suo studio
Enzo Forese nel suo studio

Un lavoro iniziato nel 2020 in piena pandemia e che continua ora con la guerra alle porte d’Europa. Enzo Forese consuma quotidianamente diverse pastiglie salvavita, le piccole scatolette in cartone leggero e i blister che le contengono si accumulano giorno dopo giorno, l’artista non le butta perché è solito usare il cartoncino come supporto per le sue pitture ad olio. Utilizza, ritagliandole, le confezioni del riso, della pasta, dei corn flakes; queste invece sono troppo piccole per ricavarne un supporto piano, così decide di sfruttarne la tridimensionalità per creare, unendole, delle coloratissime sculture astratte. Le scatole perdono quasi completamente riconoscibilità se non fosse per il carattere Braille in rilievo e i nomi dei medicinali scritti in grassetto che trapelano leggermente attraverso la pittura.

Così variopinte, le scatolette diventano un altro Salvavita, quello dell’anima. Ciò che ci salva dalle nostre brutture è l’arte, quell’Arte che ha elevato l’uomo dalla notte dei tempi e che ci accompagnerà fino alla fine dei giorni. Un concetto che arriva immediato, grazie alla profonda semplicità che contraddistingue l’artista.

Nel mese di aprile 2022, Enzo Forese e Bernadetta Pazielli, realizzano nel laboratorio di Alberto Casiraghy un librino delle Edizioni Pulcinoelefante; ognuna delle 33 copie contiene un blister di medicine dipinto dall’artista.

L’artista:

ENZO FORESE è nato a Milano nel 1947 dove vive e lavora. Si forma in ambienti classici e filosofici (è laureato in Storia della Filosofia), riflettendo in particolar modo sul problema del mito come forma simbolica. Partendo da questi presupposti possiamo leggere le opere dell’artista, visualizzazioni epigrammatiche, brevi lampi lirici, sottili intuizioni poetiche narrate prevalentemente con la pittura, ma anche con le tecniche delcollage e assemblage. Fondamentale importanza acquista il colore che l’artista utilizza rifuggendo da leggi scientifiche e ottico-percettive; altrettanto centrale è la poesia, conosciuta e amata a partire da una folgorazione giovanile:la scoperta dell’Antologia Palatina, nota raccolta di circa 4000 componimenti poetici che vanno dalla lirica arcaica ai poeti cristiani e spaziano da temi amorosi ed argomenti descrittivi, dai lamenti funebri a motivi burleschi e d’intrattenimento. Da queste letture, l’artista trova e traduce nella pittura quel sentimento di nostalgia per la vita che si dissolve e discioglie nel tempo, nel rincorrersi dei giorni, nel panta rei – tutto scorre quotidiano.

Enzo Forese fa parte del gruppo italo-austriaco “Osmosi” e del gruppo “Portofranco”, creato da Franco Toselli.

Informazioni e richiesta di ulteriore materiale stampa:
GALLERIA MELESI T +39 0341 360348 M +39 348 4538002 info@galleriamelesi.com